Masticare ghiaccio fa male?

A chi non è mai capitato di ritrovarsi in bocca un cubetto di ghiaccio alla fine di un cocktail ghiacciato per esempio? Alcuni lo masticano per piacere, altri per noia, altri non riescono affatto in quanto provano una sensazione simile a quella degli stridii delle unghie sulla lavagna. Ad ogni modo masticare un cubetto di ghiaccio sembrerebbe un gesto innocente, in quanto altro non è che acqua congelata. In seguito ad uno studio effettuato da un team di esperti, si è scoperto che  il ghiaccio può essere nocivo per la salute del nostro organismo, in primo luogo, di bocca e denti. Masticando spesso del ghiaccio, si corre il rischio che i denti si indeboliscano o diventino più sensibili. Nei casi più gravi, i denti rischiano anche di scheggiarsi, danneggiando lo smalto dentale risultando quindi più esposti ad essere intaccati da carie e da batteri e se non curate per tempo, tali problematiche possono causare problemi ben più seri. Oltre a poter causare danni ai denti, mangiare ghiaccio può essere dannoso anche per le gengive; Infatti, se spezzato in modo sbagliato, un cubetto di ghiaccio può`presentare dei lati taglienti che possono ferire le gengive facendole sanguinare, provocando ferite più o meno importanti. Se quindi ti chiedi se è sbagliato mangiare del ghiaccio in maniera abituale la risposta è sì, in quanto farlo con frequenza può indebolire la dentatura e danneggiare il suo benessere, motivo per cui non è raccomandabile farlo.

Pagofagia

I ricercatori inoltre, hanno trovato una correlazione fra un insolito appetito di ghiaccio con la carenza di ferro nel sangue: la pagofagia, un disturbo tipicamente del comportamento alimentare. È una strana ossessione che spinge a ingerire sostanze non nutritive, persino sporcizia e argilla. I ricercatori hanno dimostrato che questo disturbo è collegato con l’anemia da carenza di ferro, alla quale si cerca di compensare masticando e ingerendo sostanze non alimentari. Quando non si ha il giusto livello di ferro nel sangue, il nostro organismo cerca di compensarne la mancanza poiché masticare ghiaccio comporta la diminuzione di un’infiammazione della lingua, conosciuta come glossite, anch’essa collegata con l’anemia da carenza di ferro. L’associazione dei dentisti americana raccomanda ad ogni modo, di non masticare il ghiaccio in quanto può rompere i denti. Un metodo efficace e rapido per diminuire l’infiammazione sulla lingua è lasciarlo semplicemente sciogliere su di essa.

Dieta del ghiaccio

Il gastroenterologo Brian Weiner sostiene che  un litro di ghiaccio al giorno ci fa consumare quanto una corsa di un paio di chilometri, ovvero circa 160 calorie. Secondo Weinder, il meccanismo è semplice quanto geniale: quando mangiamo una buona quantità di ghiaccio, il nostro organismo spende energia per scioglierlo quindi in sostanza si dimagrirebbe mangiando. La sua idea è stata pubblicata dalla rivista scientifica, Annals of Internal Medicine, e Weiner ha inoltre scritto un e-book, scaricabile gratuitamente. Sempre secondo Weiner, se ad esempio sostituiamo un dessert o uno snack con un ghiacciolo fatto con frutta, mangeremo sano e allo stesso tempo potremmo sottrarre alle calorie del frutto quelle consumate dal corpo per scaldare il ghiaccio.

La pratica non fa danni all’organismo, a patto di seguire alcune regole: non superare il litro di acqua ghiacciata al giorno, altrimenti saremo sopraffatti da una spiacevole sensazione di freddo, fino a rischiare l’ipotermia, che potrebbe danneggiare il funzionamento di alcuni organi, come ha spiegato il medico a The Atlantic.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...